Museo dell'Ara Pacis

menu di accesso facilitato

vai direttamente a:
contenuto. cerca, sezione. lingue, menu. servizi, menu. principale, menu. percorso, menu. piedipagina, menu.

Home > Mostre > Alessandro Mendini

Alessandro Mendini, Orchestrina Alessi 2003

09/04 - 06/09/2009

Alessandro Mendini

Dall'infinitesimo all'infinito
Tipologia: Architettura e Design

Un'importante riflessione antologica ripercorre la carriera di uno dei maestri italiani dell'architettura e del design.

La mostra su Alessandro Mendini - un maestro dell’architettura e del design che prima di tutti ha colto, e sostenuto, i valori della contemporaneità: trasversalità, versatilità, capacità di ascolto, dinamicità, e apertura alle temperature variabili del mondo - al Museo dell’Ara Pacis si estenderà a tutti gli ambienti del Museo.

Nello spazio espositivo, a delimitare la rampa d’ingresso, una costellazione di presenze “umane” in forma dei famosi cavatappi “Alessandro M.” nelle tante versioni, una sorta di parata di personaggi “speciali” (in realtà autoritratti dello stesso Mendini), dall’arlecchino al fantasma, dal carcerato a Superman, dal cuoco al diavolo, dall’angelo al re.Una sala introduttiva ospita un racconto biografico con opere e fotografie d’epoca, con l’obiettivo di presentare al grande pubblico la vita e l’opera del maestro attraverso i momenti più significativi e le opere maggiormente caratteristiche.
La mostra si struttura in quattro sezioni, definite da altrettante stazioni teoriche.

Se lo slogan dell’architettura moderna è stato “Dal cucchiaio alla città”, nel caso di Alessandro Mendini il motto diventa “Dall’infinitesimo all’infinito”, essendo capace, il nostro, di operare con successo in tutte le diverse scale di progetto, da quella più piccola a quella più estesa, dal “progettare pensieri” (attraverso la sua fervida attività teorica e critica, anche come direttore di riviste - come Casabella, Domus, Modo e Ollo – e poi di direttore artistico per alcune importanti aziende, come Swatch e Alessi) al “progettare corpi” (gioielli e orologi, vestiti e borse, ma anche performance e azioni “teatrali”), dal “progettare stanze” (i mobili e gli ambienti interni) al “progettare orizzonti” (le tante architetture pubbliche e gli interventi a scala territoriale).

Il nucleo centrale dello spazio espositivo, la “cripta” sotto l’Ara, conterrà la sezione teorica “Progettare pensieri”, con alcuni scritti emblematici esposti o riprodotti/letti da voci registrate, alcune “mappe mentali” e alcuni grafici/organigrammi ingranditi (articolatissimi e cristallini al contempo) che diventeranno texture parietali, mentre i tanti numeri delle riviste “storiche” del design da lui dirette (dalla “Casabella” radicale degli anni Settanta alla “Domus” postmoderna degli anni Ottanta, dalla nuova teoria espressa con “Modo” alla rimessa in discussione dello stesso strumento/rivista con “Ollo”) verranno esposti per intero (tutte le copertine) e in parte saranno consultabili.

Intorno a questo nucleo centrale si snoderanno, articolandosi e congiungendosi, le altre tre “sezioni” di progetto.

“Progettare corpi” - che per Mendini vuol dire “progettare i corpi” e “progettare con il corpo” - ; “Progettare stanze” vuol dire progettare gli oggetti e i mobili per gli ambienti che conterranno la vita delle persone; “Progettare orizzonti” è l’arrivare alla scala architettonica, urbana e territoriale, realizzando edifici pubblici in molti paesi del mondo (dal “Groninger Museum” a Groningen in Olanda alla “Stuttgarter Bank” di Stoccarda, fino ai diversi interventi in Giappone, dal “Dinosaur Museum” a Fukui alla “Torre del Paradiso” a Hiroshima e al parco “Stella” a Hokkaido).

Disegni di progetto, fotografie, modelli, oggetti (sedie, tavoli, poltrone, gioielli, borse, orologi, piatti, bicchieri, giocattoli, ecc.) costituiranno nel loro insieme una mostra colta e solare, letteraria e comprensibile; il tutto puntualmente sostenuto dai suoi schizzi febbrili e coinvolgenti, riflessioni puntuali ed espressione in sé, che incorniciati e illuminati ad hoc vivranno in una sorta di mostra nella mostra, di film costruito da singoli fotogrammi “meravigliosi” ma da leggere d’un fiato.

Curatore/i
Mostra a cura di Beppe Finessi
Catalogo
Finessi Beppe; Mendini Alessandro
2009, 384 p. 11,8x16,3 cm chiuso, copertina cartonata rivestita in tela
Editore: Corraini
Lingua: Ediz. italiana e inglese

Informazioni

Luogo
Museo dell'Ara Pacis
Orario

Da Martedì a Domenica dalle ore 9.00 alle ore 19.00
Chiuso Lunedì e 1 maggio
Aperto domenica 12 (Pasqua) e lunedì 13 aprile 2009 (lunedì dell'Angelo) con il consueto orario
La biglietteria chiude un'ora prima

Biglietto d'ingresso

€ 8,00 intero
€ 6,00 ridotto

Gratuità e riduzioni

Informazioni

060608 tutti i giorni dalle 9.00 alle 21.00

Altre informazioni

Ingresso Lungotevere in Augusta

Organizzazione

Comune di Roma, Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione, Sovraintendenza ai Beni Culturali
Zètema Progetto Cultura

Con la collaborazione di

BNL– Unicredit Banca di Roma-Monte dei Paschi di Siena, Vodafone

Con il contributo tecnico di

Alessi , Fila Tratto Pen, La Repubblica, Slamp
Fila Tratto Pen
Alessi

torna al menu di accesso facilitato.